Politica Ultime Notizie 

Boris Rapa, arretramento della ferrovia adriatica: Non perdiamo questo treno

Con la mia mozione n° 467 del 26/02/2019 poi trasformata in risoluzione n° 89/2019 ed approvata dal Consiglio regionale nella seduta del 7 maggio 2019, veniva impegnato il Presidente e la Giunta Regionale “…per la valutazione di un progetto di fattibilità finalizzato all’arretramento della linea ferroviaria dalla costa..” – afferma il Capogruppo di Uniti per le Marche Boris Rapa – , ora la proposta dell’arretramento della linea ferroviaria Adriatica è stata autorevolmente ripresa anche dal Ministro Franceschini ed è inoltre uno dei punti salienti del “piano Colao”.

E’  quindi urgente passare dalle semplici esternazioni alla concretezza delle azioni per verificare anche l’attendibilità delle posizioni del Governo. Pertanto il primo punto è quello di avere un PROGETTO DI FATTBILITA’ da redigere con il coinvolgimento del territori interessati, perché arretrare la linea e riutilizzare quella attuale per ridisegnare l’assetto urbano della costa, porterebbe ad una modifica profonda della vita della Regione e delle sue prospettive di sviluppo economico, sociale e di vivibilità; non dimenticando la mobilità a basso impatto e l’accessibilità dei comuni e dei territori.

Questa grande sfida va affrontata assieme alle  Ferrovie, con il Governo, le forze politiche e sociali, mobilitando le migliori competenze professionali ed i professionisti (quali l’ordine degli ingegneri che peraltro hanno dato già il loro positivo riscontro) per un progetto di Nuove Marche.

Solo così – ribadisce Boris Rapa – con il concreto accertamento della sua sostenibilità in termini economici, sociali, urbanistici, ambientali e trasportistici si potrà procedere alla realizzazione. Ma occorre fare presto: non ripasserà un altro “treno” a breve.

Rammento – Prosegue Rapa – che proprio con quest’ottica e dando corso a queste sollecitazioni, il Presidente Ceriscioli ha chiesto fin dal 27 Febbraio 2019, a più riprese ai Governi Conte 1 e 2 e ai nostri parlamentari marchigiani, di inserire nel Contratto di Programma con RFI il progetto di fattibilità dell’arretramento della linea Adriatica (e quello della linea dei Due Mari). Ma fino ad oggi la risposta non sembra positiva. Ecco perché crediamo che il rilancio della questione da parte del Ministro Franceschini, volta a salvaguardare e valorizzare il contesto culturale e turistico di Marche ed Abruzzo, sia un’occasione da cogliere immediatamente. Non solo, il futuro economico della costa adriatica e delle Marche passa anche dall’inserimento nella rete europea dei trasporti TEN-T, che al momento non ci include, per cui ho chiesto l’impegno della Regione Marche a richiederlo con atto formale.

Per questo – conclude Il Consigliere Rapa – ho posto un’ interrogazione precisa al Presidente della Regione Marche con due questioni salienti:

1) verificare con il Governo lo stato di attuazione della richiesta di uno studio di fattibilità per l’arretramento della linea ferroviaria adriatica;

2) prendere rapidamente contatti anche con il Ministro Franceschini perché intervenga anch’egli nei  confronti della sua collega alle Infrastrutture, De Micheli, per far redigere da RFI  il progetto di fattibilità che potrebbe e dovrebbe essere fatto molto velocemente, per intercettare le risorse che l’Unione matterà a disposizione.

Non vorremmo doverci trovare nella tristissima condizione che, in presenza di ingenti risorse per investimenti infrastrutturali, che paiono avvicinarsi a breve all’orizzonte, non siano pronti i necessari progetti senza i quali, come dovrebbe essere noto, non si intercetta nessuna risorsa e ci si ritrova ad aver sprecato vanamente parole ed idee, ma soprattutto ci si avvierebbe sulla  strada del declino economico senza dare il necessario supporto e le risposte attese da imprese, lavoratori e cittadini: quindi fare presto per e non sprecare l’occasione di rimettere le Marche al centro di un sistema moderno e competitivo di trasporti, recuperando vivibilità e bellezza per il nostro territorio.

Boris Rapa – Consigliere Regionale delle Marche

Related posts

Leave a Comment