Biblioteche: come si reinventa un servizio in tempi di emergenza

Per effetto del DPCM dello scorso 8 marzo anche le biblioteche sono state chiuse al pubblico percontenere quanto più possibile il diffondersi del Coronavirus. Così i bibliotecari CoMeta, cheoperano nei Comuni di Fossombrone, Sant’Ippolito, Colli al Metauro, Terre Roveresche, Mondavio,San Costanzo, Mombaroccio e Montelabbate, si sono attivati fin dal 9 marzo con lo smart working,per continuare a proporre servizi e non far sentire soli i propri utenti cercando di offrire lorocontenuti e iniziative a distanza.Il primo pensiero è andato ai bambini, a cui sicuramente mancano gli appuntamenti di lettura inbiblioteca. Per loro è stato attivato il servizio Storie on demand: dal lunedì al venerdì, dalle 16.30alle 18, chiamando il numero 3485234732, i bambini possono ascoltare una storia scelta in baseall’età. Nelle prime due settimane di attivazione, il servizio ha riscosso un grandissimo successo esono in tantissimi a chiamare ogni giorno, sia bambini sempre nuovi che quelli affezionati cheormai per nulla al mondo rinuncerebbero al loro appuntamento telefonico. Nel contempo,vengono quotidianamente realizzati dei video pubblicati sulla pagina Facebook di BibliotecheCoMeta in cui i bibliotecari leggono albi illustrati, scelti tra i preferiti dei bambini. L’iniziativa èstata salutata con grande affetto e una risposta così grande che la scorsa settimana anche gli utentihanno iniziato a mandare video di letture da condividere con altre famiglie.Anche gli adulti hanno bisogno di storie, così il sabato sera ha preso il via Nati per reggere, unappuntamento di letture pensate per i più grandi: sono stati selezionatiracconti, brani, poesie etesti di canzoni, anche questi da raccontare al telefono, con un accompagnamento musicale insottofondo.In mancanza del prestito di libri cartacei, è stata poi offerta l’opportunità di iscriversi a distanza alservizio MediaLibraryOnline, messo a disposizione dalla Regione Marche: una vera e propriabiblioteca digitale aperta 7 giorni su 7, 24 ore su 24, in cui è possibile scaricare migliaia di ebook,tra cui le novità librarie, ascoltare audiolibri e musica, leggere quotidiani e riviste e tanto altroancora.Per informazioni e iscrizioni, gli utenti interessati possono scrivere all’[email protected]“Siamo determinati a portare avanti queste iniziative fino a prossime indicazioni da parte delGoverno, perché è vitale far sentire ai nostri utenti che ci siamo” dichiara Fabio Aiudi, uno deibibliotecari. “E stiamo già pensando ad altre novità che partiranno probabilmente questasettimana, come videorecensioni di libri e fumetti e soprattutto presentazioni di libri e intervisteagli autori da casa tramite dirette Facebook.”

Related posts

Leave a Comment