Eventi e Cultura Ultime Notizie 

La Capoeira in un Mosaico

Sabato 31 agosto grande festa per l’inaugurazione del mosaico omaggio al Brasile al lungomare di Marotta. Il progetto realizzato dall’Ass. culturale Chiaro Scuro e dal gruppo Vivo Capoeira con la collaborazione del Comune di Mondolfo.

L’idea nasce da un viaggio di due amiche che hanno unito le loro passioni: la Capoeira, il Brasile e il Mosaico. Sabato 9 marzo è iniziata la messa in opera dei mosaici eseguiti su rete, con materiale di recupero, per la realizzazione del muretto dedicato al Brasile e principalmente alla Capoeira.  La Capoeira ha le sue radici in Africa ed è arrivata in Brasile con gli africani insieme alla loro cultura e alla loro religione. La mescolanza dell’etnie indio, afro ed europeo hanno dato origine alla Capoeira che oggi conosciamo presente il tutto il mondo.

Nel 2014 è stata proclamata dall’UNESCO Patrimonio Immateriale dell’Umanità. La Capoeira nasce da un grido di libertà e da un’esigenza di sopravvivenza. Gli africani nel dolore della schiavitù traevano la loro forza dalla propria cultura, dai riti, dalla religione, dai canti e dalla musica.

Oggi la Capoeira è una lotta per l’uguaglianza, per i diritti di tutti i popoli, è un messaggio di libertà e rispetto per tutti gli esseri umani siano essi donne, uomini, bambini che come un mosaico fatto di tanti pezzi e colori formano questo mondo.

Apre il mosaico la figura della Baiana che con il suo turbante colorato è il simbolo di Bahia è l’anello che collega la cultura africana a quella brasiliana contaminata quest’ultima dal colonialismo degli europei iniziato a partire dal 1500 circa.

Il turbante si prolunga in un drappo verde che raccoglie nel percorso gli elementi che compongono la cultura Brasiliana. Troviamo raffigurati gli strumenti tipici tradizionali e alcune movimentazioni del gioco di Capoeira che e’ un’arte autentica, ancestrale, viva dove il movimento organico del corpo si unisce ai canti e al suono degli strumenti tradizionali suonati nella roda (cerchio) come il Berimbau ( arco musicale), il Pandeiro (tamburo a cornice),e l’Atabaque (una specie di conga )qui si ritrovano raffigurati questi strumenti e alcuni capoeristi  jogando Capoeira.  Al centro del muretto troviamo una figura enigmatica un uomo vestito di bianco con tanto di cappello e cravattino: Il Malandro, realizzato in mosaico a Rio de Janeiro per portarlo in Italia. Personaggio nato agli inizi del 1900 il Malandro vive la notte, la Capoeira e il Samba diventando così l’archetipo brasiliano e uno dei fondamenti della Capoeira e della sua Malizia. Tra il volo dei Colibrì, simbolo di forza, poderoso e guerriero capace di difendere il suo territorio trasformando il suo becco in una spada, c’è la figura di un Indio. Per arrivare alle origini, per non dimenticare che questa terra era conosciuta e occupata dalla popolazione nativa, prima dell’arrivo degli europei. Lo spirito della festa è quello del mosaico. Unione, Contribuzione, collaborazione ognuno mettendo a disposizione  ciò che si sa fare, la propria arte, il proprio lavoro e il proprio tempo. Una festa solidale e aperta a tutti. Realizzabile appunto grazie al contributo volontario della maggior parte delle persone che partecipano.

Il muretto scelto è sul lungomare Cristoforo Colombo situato all’altezza dell’hotel Abbazia e al bar Tritoni.

Il punto centrale dalla Manifestazione sarà La Roda di Capoeira che si terrà alle 20 davanti al mosaico con la partecipazione dei gruppi di Capoeira di tutta Italia. La festa si svolgerà per strada sul tratto di lungomare che va da sottopassaggio di Via Togliatti a Via Goldoni dalle ore 18 alle ore 24 e il tema sarà il BRASILE.

Programma:

Le attività hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa organizzata dal gruppo Vivo Capoeira con l’Associazione  Chiaro – Scuro e il supporto logistico del Comune di Mondolfo.

Presso il ristorante Burro e Alici si potrà degustare la famosa MOQUECA baiana, i bar della spiaggia Tritoni e Sun City prepareranno cocktail tipicamente brasiliani, per chi è amante della carne al White si potrà degustare un churrasco in compagnia dell’animazione di Glenda Soares.

Presso il Mare da Levante birra e pizza e i famosi panini .

La festa è arricchita dalla presenza di spettacoli, artisti di strada, laboratori e mercatino.

Per la strada troverete: Spettacolo “ Runa di Fuoco”  con Francesca Marealluminio, Clown Giocoliere Performer e “trasformer” il nostro Mitico Filippo Brunetti, parata di Percussioni e danze Africane con il gruppo Crazy Djembè di Matteo Luzi, gruppo di Break Dance i San Decenzio Loverz, spazio Laboratori per bambini e adulti: Ceramica a cura di Anna Raku, Capoeira con il gruppo SOLUNA, Crazy Djembè, mosaico con le volontarie del gruppo dell’associazione  Chiaro-Scuro, pittura con Ketty Perrone, Silk Ribbon con Patrizia Montanari, Wanda con i gioielli, Federica con le sue fantastiche fasce realizzate con preziosi tessuti Africani percussioni

Uno spazio sarà dedicato al Baratto con il Gruppo “L’economia del dono vestiti, libri, oggetti in regalo a Marotta”. Gabriele e Andrea con – HOLZKOPFE/ TestediLegno –  allestiranno un giardino giochi interamente costruito con materiali in legno riciclato e un laboratorio didattico creativo.

A conclusione della serata il concerto del gruppo ALKEMIA ritmi afro-brasiliani.

L’intera giornata sarà documentata con video e foto grazie alla collaborazione di GOLD FRAME con Alex e  Arianna.

Related posts

Leave a Comment