Cronaca e Attualità Ultime Notizie 

Il progetto di salvataggio “Mare Sicuro” della CRI a rischio per la prossima stagione

Nella Sala Convegni della CRI di Marotta si è svolto un incontro tra il Presidente Luciano Seri e gli operatori turistici e commerciali di Marotta per illustrare il progetto “Mare Sicuro” e verificare se sussistono le condizioni per riproporre il servizio anche per la nuova stagione turistica. Presente alla riunione anche il Sindaco del Comune di Mondolfo Nicola Barbieri che ha ribadito l’importanza di questo servizio per i turisti che soggiornano a Marotta. La scorsa estate la Croce Rossa in collaborazione con la centrale 118 e la Guardia Costiera ha svolto attività di pattugliamento e soccorso in mare presso gli stabilimenti balneari di Marotta, Ponte Sasso e Torrette con l’ausilio di mezzi e volontari nei mesi di Luglio e Agosto con circa 30 volontari e l’utilizzo di una moto d’acqua ed un’ambulanza. Il servizio è stato svolto con un autista soccorritore CRI e sanitario, operatore Opsa e conduttore Opsa con postazione a mare situata tra i Bagni Franco e Bagni Alberto e Cesera, tutte le spese sono state a carico del Comitato CRI di Marotta. Sono stati eseguiti circa 80 interventi in supporto al sevizio territoriale emergenza 118, circa 170 visite presso la struttura in spiaggia e 30 ore di pattugliamento in mare percorrendo 5.000 chilometri. Questo servizio costa circa 10.000 euro ed era stato concordato tra operatori del settore, amministrazione e CRI, il rammarico del Presidente Luciano seri è che soltanto pochi operatori hanno contribuito a finanziare. Se le categorie direttamente interessate, bagnini e albergatori, tranne qualche eccezione hanno tutti aderito, manca la partecipazione dei commercianti e di coloro che direttamente o indirettamente vivono di turismo. Il Sindaco Barbieri ha in ultima analisi ha ribadito che il servizio deve continuare e se non si troveranno i fondi dagli operatori l’amministrazione è disponibile a fare la sua parte anche questo non solleva gli interessati dalla responsabilità della mancata collaborazione.

Related posts

Leave a Comment