Cronaca e Attualità Ultime Notizie 

I Tribunale Obhal alla finale del Tour Music Fest – European Music Contest

La Band marottese vola a Roma per la finale del Tour Music Fest – The European Music Contest, il più grande concorso europeo per band emergenti.

Il gruppo è composto da Mattia “Labo” Bellocchi-Voce, Tommaso Golaschi-chitarra, Francesco Boschini-basso, Lorenzo D’Addesa-batteria.
I Tribunale Obhal, con la loro musica originale e una grande determinazione, hanno raggiunto un traguardo davvero importante, considerato che al concorso hanno partecipato oltre 7000 tra artisti e band provenienti da tutta europa. In un percorso lungo 6 mesi, sono riusciti a convincere l’esigente giuria del Tour Music Fest – The European Music Contest ed aggiudicarsi così a pieno merito un posto nell’attesa finale nazionale del festival, che si terrà il 10 Novembre 2018 presso il Jailbreak – Live Club di Roma in cui affronteranno l’ultima sfida per arrivare a calcare il palco della finale europea del prossimo dicembre.

Riportiamo alcune considerazioni della giuria:
“Originali, talentuosi e sicuramente dal grande impatto sonoro.”

“Autentici e sicuramente di grande valore artistico, hanno il rock nel sangue. Certamente possono crescere ulteriormente, vista la loro giovane età ed hanno tutti gli strumenti necessari per ambire a diventare un’ottima realtà.”

“Le loro esibizioni sul palco, sono piene di adrenalina pura: sono bravissimi!”

“Il sound della band è molto coeso ricordando band come Audioslave e Alice in Chains o Kiuss. Per l’accesso alle finali hanno suonato la loro “Tutta la voce che ho”. Il leader ha un’ottima presenza scenica, come tutta la band, buono il loro affiatamento e il sound è un muro gigantesco e insormontabile. Un buon uso dell’ effettistica, amplifica ancora di più il loro sound e la loro energia, con venature che ricordano il grunge più puro dei Soundgarden, ma anche il marciume dei Melvins e non solo. La vocalità del lead singer è graffiata e accattivante, ricca di potenza e può ricordare Dei del genere, come il Chris Cornell dei primi tempi o il grande Laney Staley per attitudine.”

In bocca al lupo ragazzi!

Related posts

Leave a Comment