Politica Ultime Notizie 

Dalla Regione Marche le risorse per far crescere il turismo

C’è tempo fino al 31 ottobre per beneficiare del contributo messo a disposizione dalla Regione Marche finalizzato alla riqualificazione, alla ristrutturazione e all’ampliamento delle strutture ricettive.
Il bando è riservato alle piccole e medie imprese del settore turistico: alberghi e strutture simili, inclusi gli alberghi diffusi e le dimore storiche, villaggi turistici, country house, campeggi, case e residenze per vacanze, affittacamere e bed&breakfast.

“E’ importante sottolineare –spiegano Giorgio Bartolini direttore provinciale Confesercenti e Adolfo Ciuccoli presidente provinciale Assoturismo- che la Regione Marche, dietro richiesta di Confesercenti e delle altre associazioni di settore, si è impegnata ad implementare le risorse disponibili: si passerà dagli iniziali 2 milioni a oltre 10 milioni di euro, risorse fondamentali per riqualificare il settore sul quale l’Ente dimostra, con questo intervento, di credere davvero. Ringraziamo in tal senso l’Assessore regionale al Turismo Moreno Pieroni per l’impegno e la sensibilità dimostrate sin qui a tutela della categoria e a sostegno di una rapida ripresa del comparto. Invitiamo gli operatori a cogliere questa opportunità anche sottolineando che è possibile avvalersi di contributi fino al 50% delle spese sostenute per la messa a nuovo o l’ampliamento delle strutture e che proprio l’Assessore Pieroni ha dichiarato che tutte le domande che avranno i requisiti necessari saranno finanziate. Ricordiamo, inoltre, che possono presentare la domanda anche tutti coloro che hanno eseguito i lavori a partire dal 1 gennaio 2015, in quanto la legge è retroattiva e che la prima assistenza presso i nostri uffici è gratuita telefonando al numero 368.7839882”.

Nello specifico, sono ammessi al finanziamento i lavori e le opere edili, compresi gli impianti, ad esclusione degli interventi di manutenzione ordinaria. In questo caso, il contributo è pari al 50% sul totale della spesa e sono ammesse, nel limite del 10% del totale del progetto, anche le spese di progettazione.

Sono finanziabili anche gli acquisti di beni strumentali e attrezzature, compresa la dotazione informatica (contributo del 40% sul totale della spesa) gli arredi (contributo del 30% sul totale della spesa) e i beni immobili, terreni e fabbricati (contributo del 20% sul totale della spesa). Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal 1 gennaio 2015 per progetti che dovranno avere un costo non inferiore ai 50.000 euro e non superiore a 200 mila in regime “de minimis”. I lavori dovranno essere conclusi entro 12 mesi dalla data di concessione del contributo.

DA CONFESERCENTI PESARO URBINO

Related posts

Leave a Comment